Notice
  • EU e-Privacy Directive

    EN - This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device. IT - Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser, o cliccando su "Accetta" si permette il loro utilizzo.

    View Privacy Policy - Vedi informativa

    View e-Privacy Directive Documents - Vedi normativa

Ott
22
2011

MTBexplorer - Il Viandante

Il Viandante

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Qual è la natura dell’inquietudine umana? … Pascal disse che la fonte di tutte le nostre sofferenze era l’incapacità di starcene tranquilli in una stanza. Perché, domandava, un uomo che ha di che vivere sente lo stimolo a trovare un diversivo in qualche lungo viaggio per mare? O a vivere in un’altra città, o a andarsene alla ricerca di un grano di pepe, o in guerra a spaccar teste? … Pascal volle capirne la ragione, e dopo averci riflettuto ne trovo una ottima: e cioè la naturale infelicità della nostra debole condizione mortale; così infelice che, se ci concentriamo su di essa, nulla può consolarci. Solo una cosa può alleviare la nostra disperazione ed è lo svago (divertissement); eppure proprio questa è la peggiore delle nostre disgrazie, perché lo svago ci impedisce di pensare a noi stessi e ci porta gradualmente alla rovina. Chissà se il nostro bisogno di svago, la nostra smania di nuovo, era, in sostanza un impulso migratorio istintivo, affine a quello degli uccelli in autunno? ... se la “patria” era il deserto, se i nostri istinti erano forgiati nel deserto, per sopravvivere a i suoi rigori, allora è più facile capire perché le ricchezze ci logorano e perché l’immaginario uomo di Pascal considerava i suoi confortevoli alloggi una prigione. ... forse dovremmo concedere alla natura umana una istintiva voglia di spostarsi, un impulso al movimento nel senso più ampio. L’atto stesso di viaggiare contribuisce a creare una sensazione di benessere fisico e mentale, mentre la monotonia della stasi prolungata e del lavoro fisso tesse nel cervello delle trame che generano prostrazione e un senso di inadeguatezza personale. In molti casi quella che gli etologi hanno designato come aggressività è semplicemente una risposta stizzosa alle frustrazioni derivanti dall’esser confinati in certo ambiente.

Bruce Chatwin “Che ci faccio qui?”

Lo so, è una fottuta pagina autocelebrativa, è l'unica concessione alle decine di foto che bene o male mi ritraggono, potete ignorarla oppure ... ho lasciato i commenti attivi per insultarmi, se volete ...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Notice: Undefined index: HTTPS in /web/htdocs/www.mtbexplorer.com/home/modules/mod_vergefacebooklike/tmpl/default.php on line 22
FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixxRSS FeedPinterest